Shatkarma o Purificazione

0
89

Introduzione agli Shatkarma

L' Hata Yoga, come descritto nelle prime Yoga Upanishad, era composto dagli shatkarma ed è una scienza molto precisa e sistematica.

Shat significa 'sei' e karma significa 'azione': gli shatkarma consistono di sei gruppi di pratiche di purificazione. Lo scopo dell' Hatha Yoga e, perciò, degli shatkarma è di creare armonia tra i due principali flussi pranici, ida e pingala, raggiungendo in tal modo purificazione ed equilibrio fisico e mentale.

Gli shatkarma sono utilizzati anche per equilibrare i tre doshla o umori nel corpo: kapha, muco, pitia, bile, e vata, aria. Secondo l'hatha yoga e l' ayurveda, uno squilibrio dei dosha avrà  come conseguenza la malattia.

Queste tecniche sono utilizzate anche prima del pranayama e di altre pratiche superiori yoga per purificare il corpo dalle tossine e assicurare lungo il sentiero spirituale una progressione sicura e coronata dal successo.

Queste potenti tecniche non dovrebbero mai essere imparale attraverso i libri, né insegnate da persone inesperte. Secondo la tradizione, solo chi è stato istruito da un guru può insegnare agli altri.

E' essenziale essere istruiti personalmente su come e quando praticarli secondo le necessità  individuali.

I sei shatkarma

I sei shatkarma sono:

  1. Neti: un procedimento di pulizia e purificazione dei passaggi nasali. Le pratiche incluse in questa categoria sono: Jala Neti e sutra neti.
  2. Dhauti: una serie di tecniche per la pulizia divise in tre gruppi principali: antar dhauti , o purificazione interna, sirsha dhauti, o pulizia della testa (tradizionalmente chiamata idanta dhauti e hrid dhauti o pulizia toracica. Le tecniche interne puliscono l'intero canale alimentare dalla bocca all'ano e si dividono in quattro pratiche:
  1. Shankhaprakshalana (varisara dhauti) e laghu Shankhaprakshalana - pulizia dell'intestino;
  2. Agnisar kriya (vahnisara dhauti), attivazione del fuoco digestivo
  3. Kunjal (vaman dhauti), pulizia dello stomaco con l'acqua;
  4. Valsara dhauti, pulizia degli intestini con l'aria. La maggior parte di queste pratiche richiedono una guida esperta.
  1. Nauli: un metodo per massaggiare e rinforzare gli organi addominali.
  2. Basti: tecniche per lavare e tonificare l'intestino crasso.
  3. Kapalbhati: una tecnica respiratoria per purificare la regione frontale del cervello.
  4. Trataka: la pratica del fissare intensamente un punto o un oggetto che sviluppa il potere di concentrazione.

Benché ci siano solo sei shatkarma. ciascuno consiste di varie pratiche.

[tradotto da Swami Satyananda Sarawati]

CONDIVIDI
Articolo precedenteYoga Nidra (rilassamento profondo)
Prossimo articoloYoga ed Apnea
Lo yoga è la scienza del vivere. Esso lavora su tutti gli aspetti della personalità umana: fisico, vitale, mentale, emozionale e psichico. Lo yoga è un mezzo per equilibrare ed armonizzare il corpo e la mente. Centro Dharma Yoga è il portale sul mondo dello yoga come pratica ascetica e meditativa.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here