????
domenica 26 ottobre 2014    Registrazione  •  Login
 
   
 
   
   
   
 
 
Introduzione agli Shatkarma Riduci
Introduzione agli Shatkarma



L' Hata Yoga, come descritto nelle prime Yoga Upanishad, era composto dagli shatkarma ed è una scienza molto precisa e sistematica. Shat significa 'sei' e karma significa 'azione': gli shatkarma consistono di sei gruppi di pratiche di purificazione. Lo scopo dell' Hatha Yoga e, perciò, degli shatkarma è di creare armonia tra i due principali flussi pranici, ida e pingala, raggiungendo in tal modo purificazione ed equilibrio fisico e mentale

Gli shatkarma sono utilizzati anche per equilibrare i tre doshla o umori nel corpo: kapha, muco, pitia, bile, e vata, aria. Secondo l'hatha yoga e l' ayurveda, uno squilibrio dei dosha avrà come conseguenza la malattia. Queste tecniche sono utilizzate anche prima del pranayama e di altre pratiche superiori yoga per purificare il corpo dalle tossine e assicurare lungo il sentiero spirituale una progressione sicura e coronata dal successo.

Queste potenti tecniche non dovrebbero mai essere imparale attraverso i libri, né insegnate da persone inesperte. Secondo la tradizione, solo chi è stato istruito da un guru può insegnare agli altri. E' essenziale essere istruiti personalmente su come e quando praticarli secondo le necessità individuali.

I sei shatkarma sono:

   1.Neti: un procedimento di pulizia e purificazione dei passaggi nasali. Le pratiche incluse in questa categoria sono: Jala Neti e sutra neti.
   2.Dhauti: una serie di tecniche per la pulizia divise in tre gruppi principali: antar dhauti , o purificazione interna, sirsha dhauti, o pulizia della testa (tradizionalmente chiamata idanta dhauti e hrid dhauti o pulizia toracica. Le tecniche interne puliscono l'intero canale alimentare dalla bocca all'ano e si dividono in quattro pratiche:

  1.    Shankhaprakshalana (varisara dhauti) e laghu Shankhaprakshalana- pulizia dell'intestino:
  2.    Agnisar kriya (vahnisara dhauti), attivazione del fuoco digestivo
  3.     Kunjal (vaman dhauti), pulizia dello stomaco con l'acqua;
  4.    Valsara dhauti, pulizia degli intestini con l'aria. La maggior parte di queste pratiche richiedono una guida esperta.


   3.Nauli: un metodo per massaggiare e rinforzare gli organi addominali.
   4.Basti: tecniche per lavare e tonificare l'intestino crasso.
   5.Kapalbhati: una tecnica respiratoria per purificare la regione frontale del cervello.
   6.Trataka: la pratica del fissare intensamente un punto o un oggetto che sviluppa il potere di concentrazione.

Benché ci siano solo sei shatkarma. ciascuno consiste di varie pratiche.
[tradotto da Swami Satyananda Sarawati]

 

Per la lettura dei documenti è sufficiente entrare nel sito tramite il proprio Nome Utente tramite il pulsante LOGIN altrimenti usare la procedura di REGISTRAZIONE (vedi pulsanti in parte alta della pagina)

Stampa  

Crevacol Riduci
Quando il grasso o muco è eccessivo, gli shatkarma, o sei tecniche di purificazione, devono essere praticati prima (del pranayama). Gli altri, in cui i dosha (cioè flemma, vento e bile) sono equilibrati, non ne hanno bisogno. Hatha Yoga Pradipika (2:21)
Stampa