sabato 27 maggio 2017    Registrazione  •  Login
 
   
 
   
   
   
 
 
Bambini e Yoga Riduci

I BAMBINI E LO YOGA

om1.jpg

La condizione di stress continuo vissuta dagli adulti si riversa anche sui bambini e va ad aggiungersi a quella dovuta alla scuola, agli amici, ai giochi.

Lo Yoga può diventare un’ottimo rimedio per gli adulti così come per i bambini.

Essi al di fuori della scuola trascorrono la maggior parte del loro tempo libero chiusi in appartamenti senza contatto con la natura e con l’attenzione rivolta al dio televisore.

Lo Yoga,trasformato in una specie di nuovo gioco, può essere un valido metodo per risvegliare le potenzialità della loro  mente  e della loro fantasia.

Per esempio attraverso Asana (posizioni) che ricordano nomi e forme fisiche di animali, con esercizi di respirazione  e infine con semplici e brevi momenti di rilassamento.

Lo Yoga viene insegnato ai bambini a partire dall’età di otto anni, nel momento in cui il corpo inizia a trasformarsi in vista dell’adolescenza, la giovinezza e l’età adulta , di pari passo con lo sviluppo psicologico e mentale.

Porto la mia esperienza personale per avere organizzato un corso di Yoga per bambini di seconda e terza classe elementare che si sviluppava in un ora alla settimana come appuntamento fisso e momenti di rilassamento durante le ore di lezione.

Nella lezione settimanale, in un locale predisposto dalla scuola,  i bambini in tuta con una coperta  e un tappetino svolgevano una prima parte di Asana , posizioni fisiche simili ad esercizi di ginnastica dinamica con utilizzo della respirazione.

Tutto questo seguito da semplici tecniche respiratorie come immaginare o visualizzare un quadrato di fronte  a sé e di far scorrere il respiro lungo i lati del quadrato. Inspirando il respiro sale sul lato sinistro del quadrato, espirando il respiro si muove sul lato superiore,inspirando di nuovo il respiro scende dal lato destro del quadrato ,espi rando di nuovo il respiro si muove sul lato inferiore del quadrato.

La lezione termina con la pratica di “Yoga nidra” che è un’esercizio di rilassamento fisico nel quale si guida la attenzione sulle diverse parti del corpo che vengono nominate dalla voce dell'istruttore e ripetute mentalmente dal bambino con il corpo supino e gli occhi chiusi, facendogli immaginare per esempio che uno gnomo o una fata con una bacchetta tocchino le varie parti del corpo che diventano colorate.

Nella fase successiva si sposta l’attenzione del bambino al movimento del respiro in modo che visualizzi un palloncino che si gonfia e si sgonfia nell’addome. Nell’ultima parte della pratica di Yoganidra si immaginano aspetti della natura: ad esempio il bambino pensa di scivolare nell’arcobaleno attraverso i vari colori oppure di viaggiare nel cielo e incontrare le stelle e i pianeti o immagina di essere in un parco e vedere le piante e gli animali.

Anche durante le ore di scuola si possono fare degli esercizi per la concentrazione soprattutto nei momenti in cui i bambini sono stanchi e non riescono più a seguire le lezioni. Facendoli stare seduti e rilassati con gli occhi chiusi e dicendogli di pensare di essere sotto una cascata di acqua fresca e l’acqua scende sulla loro testa, sulle spalle e su tutto il corpo. Ciò porta i bambini ad uno stato di rilassamento fisico e mentale.

In  questi anni di esperienza ho potuto notare che le tecniche di Yoga aiutano a rimuovere stati di tensione psicologica  nel corpo e nella mente del bambino.

Stampa  

  Riduci
Bambini
Giocando insieme, i bambini migliorano la capacità di comunicazione interpersonale, le relazioni sociali e la spontaneità di espressione verbale e fisica. Con l’aiuto delle tecniche di yoga, i bambini riescono ad allentare le tensioni e imparano a percepire consapevolmente sé stessi e il mondo che li circonda
Stampa